The nightmare to eight thousand meters | Pound Pup Legacy

The nightmare to eight thousand meters

Date: 2005-06-29
Giovanna Pintus and her husband John Flowers [Giovanni Fiori ] tell the background to the
 Jury [Yuri] that day by plane The nightmare to eight thousand meters   [perhaps: That day with Yuri in the plane. Nightmare at 8,000 meters]
 
"They want us to become the scapegoat for a crusade '

They are a family and want to return At Home in Italy, three. This tempered affair them and made them even more resolute. That child is Their son, love him and have not no intention of spring Russia, after two years of contacts and caresses resulted in an adoption. A new family now breaks on a report made by a hostess. Giovanna Pintus and John Flowers, Advocates of Sassari, are locked in Moscow a month. Behind them, a sad story: we have seen rip Juri by force, the Russian baby just 7 years adopted. Reason: an elusive scapaccione that all the circumstances shall not be considered ever. The two parents, for first time about a story painful, open to all end users. 'In Indeed fear of becoming the goat atoning for a nationalistic crusade Russian for a more restrictive law on adoptions, said the two lawyers, met in Moscow from today. For us spouses have agreed to rebuild their odyssey in a memorial that concludes with an appeal to Italian premier Silvio Berlusconi to intervene in person at the Russian President Vladimir Putin. Here's the letter of the two spouses.

 "Forced to a kind of clandestine for safety reasons because the climate of hatred that newspapers and TV Russians are fomenting against We defined "torture of a child, "Today we entrust to the response to the many that we are writing sms from Italy, bringing sympathy and solidarity and asking all More detailed information on our nebula family odyssey. An odyssey we are living in Siberia, Moscow and Sassari.

In the city we live and sarda work. Me and my wife Joanna We are lawyers specialized in civil law, her right hand in family and (ironically) has built her career, she now is accused of having beaten his son adopted by the children abused. Ten years ago, married, had decided to adopt a child. In 2000, we formalized the Court Sassari demand for adoption. For two years it has been the usual bureaucratic process: an investigation based on documents and outline the personal profile. We met with the assistant social, we had a way with a psychologist, we have been heard a judge. Adding the timing of Justice and the timing of the talks, the decision we had to first 2003, after an investigation lasting more than two years. The court gave the traffic lights Green: ok, the couple may Fiori-Pintus take one or more children. Where? Our preference has been to Russia.

For the reader who is fasting to these standards, we provide other elements to give an idea that we always moved the fold of law. Who wants to take abroad law must apply to an association which deals with international adoption. In our case, the institution is Clare is based in Rome and works well in Sardinia. Even to subscribe needs to be done to the many other documents. Then you make a preparatory course of psychology. So a adopter is rigirata pair as a sock.

February 2005: the phone rings office, is Scanu Rita, Clare, who gives the expected green light: 'Tomorrow you must be a Barnaul in Siberia. " A look the Atlantic, a phone call and the travel via the airport. From Alghero to Rome and then to Moscow and Moscow-Barnaul finally: 10 hour flight to land in this city of 700 thousand inhabitants, a university campus. First stop: the ministry of Education, where with emotion we saw for the first time Juri. In photos. We have proposed adopt this child and 6 years medium, which had not yet school because there are starting to 7 years and had many health problems due to tuberculosis and to a disease the mother during pregnancy.

When we saw Juri was a stroke of lightning. We could have have a child 'small and healthy beautiful. " But we have won Juri immediately. We went to see him, to February, and we stayed with him for one week. We brought toys, we have built a good relationship. Juri was in an orphanage directed by a woman in the leg, Nina Durova. We talked about the child without hiding anything. Juri's father has never had the mother had abandoned because in difficulty situation spread Russia.

That we come back in February 2005 in Italy, with a photograph of the child. We Barnaul distributed to all new documents for the civil trial, set for May 13: was serve to validate definitively the procedure expectations. The process results in two hours: interpreters There are questions, the type "How are you? How is your house? What do you intend to do this child? How would you like education? ". We answer that we have a home decent, a job that makes that we want to educate the child and give him care and affection from parents, and opportunities to succeed in life. The Judges to give the ok.

Ten days after the time has arrived departure. There was a feast of Juri farewell to the comrades. Then via to the hotel where we slept little: the plane dell'Aeroflot to Moscow was planned for 8.10 of morning of June 3, we left at the airport. Punctual, we are off. From a Barnaul Moscow, four and a half hours of flight. Everything is going well. We are sitting side by side in a row, to our side there is another Italian couple, but the Clara spouses and Luigi Maggiore, Foggia, also with a girl adoptive. Will be valuable witnesses what happens in these decisive hours. The child began to play. It was his first flight, and curiosity took the upper hand composure on: has been made run, to jump on the seats, to make those things that make children lively. At some point we facing an Italian word that he understand: 'Enough. " It appeared the hostess and asked the child to go with her in flight deck. We (knowing which in Italy is a common rite bring the kids to their baptism of flight to see how you drive a plane) we have not thought about anything wrong.

When the child is returned, it was with sadness. I placed in Central seat between me and Joanna, and fell asleep. The alarm clock, to landing. The descent of the ladder, There comes a policeman. "Follow me, there's a little formality be resolved. " This sentence me revealed to the mind of that film Sordi falling in Italy and at the border find an agent who tells him precisely those words, "there is a formality ... ', The beginning of the end. Me and Joanna we laugh about. Out of Police found the bad: First What we have divided by Juri. Then there is been verbally notified of the charge hostess. And nothing is worth testimonies and indications that there scagionano: the words of other adoptive spouses, expertise in the hospital where the doctors certify that the only bruising found on the body of Yuri goes back to a old fell from the bike. Meanwhile an administration Russian said she was convinced of version defensive to the point that they revoke the parental authority.

All this was not enough to stop the suffocating mechanism inquisitorial set up by Prosecutor and the police and used by tam tam media. A mechanism which allowed Juri for now to separate from us, to qualify as "abandoned" by sip his meetings in hospitals which has since been hospitalized for bronchopneumonia when he was taken out of our control and even to extort a written (although not knows how to read or write) of suffered beatings, unless then discover he has denied everything in the questioning the regular presence of a psychologist and a Representative of the Embassy, mobilized on our side. Nevertheless, Investigators continue to keep us here. It is a shocking reality. What do you think of this situation distressing, that makes us feel humiliation, slander and victims of a abuse? Our feeling is that we are the scapegoat for a crusade Nationalist for a law more restrict adoptions. Here in Russia is a strong campaign for not to adopt Russian children. A Old Soviet attitude that in recent days has prompted even the representative of the Kremlin human rights, Ella Pamfilova, a polemics against the same nationalists that make a good demagoguery market on this issue in a Country where less than 10 percent of 170 thousand children reported taken each year is a family. That is, until you completion of police investigations and the prosecutor of Moscow, call an appeal to Italians because they know What can happen These days in Russia and our government (in the persons of premier Silvio Berlusconi and his deputy Gianfranco Purposes), to involve Vladimir Putin. The President Russia has said in the past advocate a policy of openness towards Europe and was himself Supervisor for adopting a child from Russia part of an excellent family: that of German Chancellor Gerhard Schroeder.

G IOVANNI FLOWERS AND G IOVANNA Pintus

[Google Translation from original Italian show below]

Giovanna Pintus e suo marito Giovanni Fiori raccontano i retroscena dell’adozione
Quel giorno con Jury in aereo L’incubo a ottomila metri
«Vogliono farci diventare il capro espiatorio di una crociata»

Sono una famiglia e vogliono tornare a casa, in Italia, in tre. Questa vicenda li ha temprati e li ha resi ancora più risoluti. Quel bambino è loro figlio, lo amano e non hanno nessuna intenzione di mollarlo in Russia, dopo due anni di contatti e carezze sfociati in un’adozione. Una famiglia nuova che ora si infrange su un verbale reso da una hostess. Giovanna Pintus e Giovanni Fiori, avvocati di Sassari, sono bloccati a Mosca da un mese. Alle loro spalle, una vicenda dolorosa: si sono visti strappare con la forza Juri, il bambino russo di 7 anni appena adottato. Motivo ufficiale: un fantomatico scapaccione che tutte le circostanze fanno ritenere non esserci mai stato. I due genitori, per la prima volta parlano di una storia dolorosa, aperta a tutti i finali. «In realtà temiamo di diventare il capro espiatorio di una crociata nazionalista russa per una legge più restrittiva sulle adozioni», dicono i due legali, raggiunti a Mosca da Oggi. Per noi i coniugi hanno accettato di ricostruire la loro odissea in un memoriale che si conclude con un appello al premier italiano Silvio Berlusconi affinché intervenga di persona presso il presidente russo Vladimir Putin. Di seguito la lettera dei due coniugi. «Costretti a una sorta di clandestinità per motivi di sicurezza a causa del clima di odio che giornali e Tv russi stanno fomentando contro di noi definiti «torturatori di un bambino», affidiamo a Oggi la risposta ai tanti che ci stanno scrivendo sms dall'Italia, portandoci simpatia e solidarietà e chiedendoci insieme informazioni più precise sulla nostra nebulosa odissea familiare. Un'odissea che stiamo vivendo tra la Siberia, Mosca e Sassari. Nella città sarda noi viviamo e lavoriamo. Io e mia moglie Giovanna siamo avvocati: io specializzato in diritto civile, lei invece in diritto di famiglia e (ironia della sorte) ha costruito la sua carriera, lei che ora è accusata di aver picchiato il figlio adottivo, dalla parte dei minori maltrattati. Dieci anni fa, sposandoci, avevamo deciso di adottare un bambino. Nel 2000 abbiamo ufficializzato al Tribunale di Sassari la domanda di adozione. Per due anni c'è stato il consueto iter burocratico: un'istruttoria basata su documenti e nel delineare il profilo personale. Abbiamo avuto colloqui con l'assistente sociale, abbiamo fatto un corso con una psicologa, siamo stati sentiti da un giudice. Sommando i tempi della giustizia e i tempi dei colloqui, la sentenza l'abbiamo avuta ai primi del 2003, dopo un'istruttoria durata più di due anni. Il tribunale ha dato semaforo verde: ok, la coppia Fiori-Pintus può adottare uno o più bambini. Di dove? La nostra preferenza è andata verso la Russia. Per il lettore che è a digiuno di queste norme, forniamo altri elementi per dare un'idea che ci siamo sempre mossi nell'alveo del diritto. Chi vuole adottare all'estero per legge deve rivolgersi a un'associazione che si occupa di adozione internazionale. Nel nostro caso l'ente è Chiara, ha sede a Roma e opera pure in Sardegna. Anche per iscriversi all'ente bisogna fare tanti altri documenti. Poi ti fanno un corso preparatorio di psicologia. Insomma una coppia adottante viene rigirata come un calzino. Febbraio 2005: squilla il telefono in ufficio, è Rita Scanu, di Chiara, che ci dà l'atteso via libera: «Domani dovete essere a Barnaul, in Siberia». Uno sguardo all'atlante, una telefonata all'agenzia viaggi e via all'aeroporto. Da Alghero a Roma, poi verso Mosca e infine Mosca-Barnaul: 10 ore di volo, per atterrare in questa città di 700 mila abitanti, sede universitaria. Prima tappa: il ministero dell'Educazione, dove con emozione abbiamo visto per la prima volta Juri. In foto. Ci hanno proposto di adottare questo bambino di 6 anni e mezzo, che non andava ancora a scuola perché lì si comincia a 7 anni e aveva molti problemi di salute dovuti alla tubercolosi e a una malattia della madre durante la gravidanza. Quando abbiamo visto Juri, è stato un colpo di fulmine. Avremmo potuto avere un bambino «piccolo sano e bello». Ma Juri ci ha conquistati subito. Siamo andati a trovarlo, a febbraio, e siamo rimasti con lui per una settimana. Gli abbiamo portato giocattoli, abbiamo costruito un buon rapporto. Juri era in un orfanotrofio diretto da una signora in gamba, Nina Durova. Ci ha parlato del bambino senza nasconderci nulla. Juri il padre non l'ha mai avuto, la madre l'aveva abbandonato perché in difficoltà: situazione diffusa in Russia.

Quel febbraio 2005 noi torniamo in Italia, con la foto del bambino. Siamo ripartiti per Barnaul con tutti i nuovi documenti utili per il processo civile, fissato per il 13 maggio: doveva servire a convalidare definitivamente la procedura di affidamento. Il processo si risolve in due ore: gli interpreti ci fanno domande, del tipo «Come state? Com'è la vostra casa? Che cosa intendete fare di questo bambino? Come volete educarlo?». Rispondiamo che abbiamo una casa decorosa, un lavoro che rende, che vogliamo educare il bambino e dargli cure e affetto da genitori, e opportunità per riuscire nella vita. I giudici danno l'ok all'adozione. Dieci giorni dopo è arrivata l'ora della partenza. C'è stata una festa di addio di Juri dai compagni. Poi via verso l'albergo dove abbiamo dormito poco: l'aereo dell'Aeroflot per Mosca era previsto alle 8.10 del mattino del 3 giugno, siamo usciti all'alba, direzione aeroporto. Puntuali, siamo decollati. Da Barnaul a Mosca, quattro ore e mezzo di volo. Tutto procede bene. Noi siamo seduti in fila affiancati, al nostro lato c'è un'altra coppia italiana: sono i coniugi Clara e Luigi Maggiore, di Foggia, anche loro con una bambina adottiva. Saranno preziosi testimoni di quel che accade in quelle ore decisive. Il bambino ha cominciato a giocare. Era il suo primo volo, e la curiosità ha preso il sopravvento sulla compostezza: s'è messo a correre, a saltare sui sedili, a fare quelle cose che fanno i bambini vivaci. A un certo punto gli abbiamo rivolto una parola italiana che lui capiva: «Basta!». È comparsa la hostess e ha chiesto al bambino di andare con lei nella cabina di pilotaggio. Noi (sapendo che in Italia è un rito comune portare i bimbi al loro battesimo del volo a vedere come si guida un aereo) non abbiamo pensato niente di male. Quando il bambino è tornato, era di malumore. L'ho sistemato nel sedile centrale, tra me e Giovanna, e si è addormentato. La sveglia, all'atterraggio. Alla discesa della scaletta, ci viene incontro un poliziotto. «Seguitemi, c'è una piccola formalità da risolvere». Questa frase mi ha fatto affiorare alla mente quel film di Sordi che rientra in Italia e alla frontiera trova un agente che gli dice proprio quelle parole, «c'è una formalità... », l'inizio della fine. Io e Giovanna ci ridiamo su. Nell'ufficio di polizia la brutta sorpresa: per prima cosa ci hanno diviso da Juri. Poi ci è stata notificata a voce l'accusa della hostess. E a nulla sono valse testimonianze e indizi che ci scagionano: le parole degli altri coniugi adottivi, la perizia in cui i medici dell'ospedale certificano che l'unico livido trovato sul corpo di Juri risale a una vecchia caduta dalla bici. Nel frattempo una commissione amministrativa russa si è detta convinta della versione difensiva al punto da non revocarci la patria potestà. Tutto questo non è bastato a fermare il soffocante meccanismo inquisitorio messo in piedi dalla procura e dalla polizia e strumentalizzato dal tam tam mediatico. Un meccanismo che ha permesso di separare per ora Juri da noi, di qualificarlo come «abbandonato», di centellinare i suoi incontri nell'ospedale dove nel frattempo è stato ricoverato per una broncopolmonite presa quando era fuori dal nostro controllo e persino di estorcergli una conferma scritta (malgrado non sappia né leggere né scrivere) delle percosse subite: salvo poi scoprire che egli ha negato tutto nell'unico interrogatorio regolare svolto alla presenza di una psicologa e di un rappresentante dell'ambasciata, mobilitata al nostro fianco. Ciò nonostante, gli investigatori continuano a tenerci qua. È una realtà allucinante. Che cosa pensare di questa situazione angosciosa, che ci fa sentire umiliati, calunniati e vittime di un sopruso? La nostra sensazione è che siamo il capro espiatorio di una crociata nazionalista per una legge più restrittiva sulle adozioni. Qui in Russia c'è una forte campagna per non far adottare i bambini russi. Un atteggiamento vetero sovietico che nei giorni scorsi ha indotto perfino la stessa rappresentante del Cremlino per i diritti umani, Ella Pamfilova, a polemizzare contro gli stessi nazionalisti che «fanno demagogia a buon mercato» su questo tema, in un Paese nel quale meno del 10 per cento dei 170 mila bambini dichiarati ogni anno adottabili trova una famiglia. Per questo, in attesa che si concludano le inchieste della polizia e della procura di Mosca, rivolgiamo un appello agli italiani perché sappiano che cosa può succedere di questi tempi in Russia e al nostro governo (nelle persone del premier Silvio Berlusconi e del suo vice Gianfranco Fini), affinché faccia intervenire Vladimir Putin. Il presidente russo si è detto in passato assertore di una politica di apertura verso l'Europa ed è stato lui stesso garante per l'adozione di una bimba russa da parte di una famiglia eccellente: quella del cancelliere tedesco Gerhard Schroeder.
G IOVANNI FIORI E G IOVANNA PINTUS

0

Pound Pup Legacy